Separazioni, come funziona con i c/c cointestati

La spartizione dell’ammontare presente sui conti cointestati in seguito a una separazione può generare non poca confusione nelle persone coinvolte. Anzitutto,

quando un conto corrente è cointestato (non solo tra i coniugi ma tra qualunque soggetto) si presume solamente che quanto è ivi giacente spetti per il 50% a

ciascuno dei cointestatari. Ognuno dei correntisti, però, può provare che i soldi che sono transitati su quel conto spettano solo a lui.

Dunque, a maggior ragione in caso di regime di separazione dei beni, la giacenza sul conto cointestato andrà suddivisa in base a chi effettivamente è il

proprietario della somma (accredito di stipendio, donazioni dai genitori e quant’altro).  Tuttavia, va ricordato un aspetto fondamentale: questa regola vale nei

rapporti tra cointestatari, ma non per la banca, che non è tenuta a conoscere l’appartenenza dei fondi presenti sul conto corrente.

Poi, in caso di separazione, può avvenire che uno dei due coniugi richieda e ottenga bonifico del 100% delle somme presente su quel conto. L’istituto di credito

non potrebbe rifiutarsi. E, solo in seguito, sarebbe l’altro coniuge a dover chiedere la restituzione della somma presa indebitamente dall’ex marito/moglie. Magari,

nei casi più estremi, dovendo adire le vie legali. Proprio per questo è importante muoversi in maniera tempestiva in presenza di conti cointestati. Qualunque

esitazione, potrebbe essere “fatale”.

Per una prima consulenza, scrivimi!

ti contatterò molto presto per concordare data e luogo dell'appuntamento

 

Andrea Biolo

Consulente Finanziario Iscritto all’Albo dei Consulenti Finanziari con Iscrizione Numero 599 del 31/07/2014

Ufficio 1

Via Flero 36
25125 - BRESCIA
 +390302808371
 +390302808373

Ufficio 2

Via Enrico Fermi 6
25050 - OME (Bs)
 +390302330137
 +390302330138

Per una prima consulenza, scrivimi!

ti contatterò molto presto per concordare data e luogo dell'appuntamento
@
@
@
@